via-mater-dei-logo-head

Il cammino dei Santuari Mariani dell’Appennino Bolognese

È un percorso di circa 157 km che si sviluppa in sette tappe su crinali di media montagna e che collega la città di Bologna a nove comuni dell’Appennino Bolognese: Pianoro, Monterenzio, Loiano, Monghidoro, San Benedetto Val di Sambro, Castiglione dei Pepoli, Camugnano, Grizzana Morandi, Vergato e al Comune di Firenzuola, in territorio toscano.

Dalla Città, con le sue mura e i monumenti medioevali tanto famosi nel mondo piano piano, camminando e sudando, potrete ritrovare quel contatto naturale con la terra, il vento, il sole, la pioggia che sono gli elementi casuali ma imprescindibili di un vero cammino. Passo dopo passo, arrivati all’ultimo santuario, una volta ritornati alla Città, qualsiasi Città abitiate, tutto avrà un volto nuovo, perché saranno i vostri sguardi ad essere nuovi.

Chilometri
Tappe
Santuari
Comuni

Tappe

IL PELLEGRINAGGIO CRISTIANO

Di Don Marco Garuti
e Don Massimo Vacchetti

Il Cristianesimo ha ereditato il pellegrinaggio dal popolo di Israele. Per ogni buon israelita era necessario recarsi tre volte all’anno davanti al Signore nel suo Santuario. “Quale gioia mi dissero: andremo alla casa del Signore” (Sal 122,1).

Nel medioevo, il pellegrinaggio cristiano raggiunge il massimo splendore, espressione di quello straordinario fervore religioso che ha fatto nascere mirabili cattedrali, capolavori di arte e di fede. Gerusalemme, Roma, Santiago de Compostela sono le mete principali della cristianità, unitamente al fiorire diffuso di cammini verso Santuari mariani o che conservano le reliquie dei Santi. Per molti, il pellegrinaggio assumeva il tono di una cammino espiatorio dei peccati o la fatica da compiersi per generare un uomo nuovo.

Il pellegrinaggio è stato ed è una pratica altamente espressiva della concezione cristiana della vita. Nella dinamica del cammino, infatti, vi è anzitutto una rottura con la vita di ogni giorno, un abbandono del passato verso la conquista della meta, della “vera” vita. Il Signore disse ad Abramo: “Vattene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò” (Gn 12,1).

La persona si concepisce come homo viator, ossia viandante che lascia un luogo e si dirige verso il conseguimento di un traguardo per il quale orienta le forze fisiche e spirituali, certo che Dio lo precede illuminandone i passi. Il pellegrino non lascia però gli affanni del vivere, le angustie del presente e le preoccupazioni del futuro per fuggire da se stesso, ma per cercare e trovare qualcosa di più grande di sé, di più vero.

In questa prospettiva, il pellegrinaggio è una metafora della vita: un cammino dal tempo all’eternità, dalla terra al cielo, dall’effimero all’assoluto. Alla radice della decisione del mettersi in cammino non vi è tanto un bisogno di evasione, ma soprattutto di trovare il senso della vita, il desiderio di infinito, il volto di Dio!

“Verso la casa di Dio camminavamo in festa” (Sal 55,15).Anche chi non compie il cammino con un’intenzione propriamente religiosa, si ritrova a fare un grande viaggio dentro le profondità del proprio cuore e giunto al Santuario riposa, non tanto il corpo quanto l’anima, finalmente giunta alla meta dei suoi desideri.

SANTUARI

Santa Maria della Vita

Beata Vergine di San Luca

Santa Maria di Zena

Madonna dei Boschi

Madonna di Lourdes

Madonna di Pompei

Madonna della Neve

Beata Vergine delle Grazie di Boccadirio

Beata Vergine della Serra

Beata Vergine della Consolazione

mappa ufficiale e cartoguida

Via Mater Dei - Cartoguida

Prima di partire

Mentre organizzi il tuo cammino, ricorda di richiedere la credenziale, il passaporto del Pellegrino dove verranno registrate le tappe.

Al ritorno

Terminato il cammino, inviaci una copia della credenziale timbrata per ricevere gratuitamente la pergamena ufficiale della Via Mater Dei! 

Aggiornamento Condizioni Via Mater Dei - Dicembre 2023

La Via Mater Dei, come tutti i percorsi sul versante emiliano romagnolo dell'Appennino, presenta diversi tratti con criticità che ne rendono difficile la percorrenza a seguito dei recenti eventi meteorologici. In particolare le zone della Val di Zena, Monte delle Formiche, Monte Bibele, Scanello e Madonna dei Boschi sono state colpite da frane e allagamenti. In questi giorni si stanno effettuando sopralluoghi su tutto il territorio. Al momento è ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIATO mettersi per sentieri nelle zone citate.

La seconda parte del cammino, da Madonna dei Boschi in poi, è percorribile senza criticità.